AGEVOLAZIONI FISCALI

DETRAZIONI IRPEF 50% e IVA RIDOTTA dal 22% al 4%

 

Ascensori e elevatori svolgono un ruolo fondamentale nell’ abbattimento delle barriere architettoniche e nel garantire sicurezza e libertà di movimento alle persone con disabilità.

L’accessibilità è un tema sempre più sentito nella nostra società, ma rendere un edificio o un’abitazione esistente  accessibile richiede lavori di ristrutturazione spesso particolarmente costosi. Per questo, la legge oggi prevede sgravi fiscali per i lavori eseguiti in abitazioni private o condomini in cui abitano persone con disabilità. 
La Legge di Bilancio 2018 proroga il bonus ristrutturazioni fino al 31/12/2018 (salvo eventuali ulteriori proroghe), che prevede agevolazioni fiscali per gli interventi di ristrutturazione edilizia e, in particolare, per quelli che favoriscono l’abbattimento di barriere architettoniche in edifici in cui risiedono persone disabili.
Nello specifico, la legge riconosce una detrazione Irpef pari al 50% dei costi sostenuti per l’esecuzione di lavori che migliorano l’accessibilità di abitazioni e edifici, fino a un massimo di spesa di €96.000.

Oltre alla detrazione, la legge prevede un abbattimento dell’iva per questi lavori per i quali è applicabile l’aliquota agevolata del 4% invece che quella ordinaria.

Chi ha diritto a richiedere lo sgravio fiscale per lavori di installazione nuovo ascensore


Ha accesso alle agevolazioni fiscali il contribuente che sostiene le spese per gli interventi di miglioramento dell’accessibilità effettuati su un immobile. Oltre ai proprietari dell’immobile ristrutturato possono beneficiare della detrazione Irpef anche i titolari di altri diritti reali come i nudi proprietari, gli usufruttuari, gli inquilini, i comodatari o il promittente acquirente che abbia già registrato il contratto preliminare.


Come richiedere l’agevolazione fiscale


Per ottenere lo sgravio fiscale del 50% sui lavori di ristrutturazione è necessario, in sede di dichiarazione dei redditi, indicare i dati catastali dell’immobile sui quali si sono effettuati gli interventi finalizzati al miglioramento dell’accessibilità e all’ eliminazione delle barriere architettoniche. Tutti i documenti relativi alla ristrutturazione devono essere conservati. Tutti i pagamenti devono essere effettuati tramite bonifico bancario e postale, conservando le relative prove di pagamento. Nella causale dei pagamenti dovrà sempre essere indicato il riferimento all’articolo 16 bis TUIR, il codice fiscale di chi effettua il pagamento e di chi beneficia della ristrutturazione. Tutti i requisiti e le informazioni per richiedere lo sgravio verranno forniti direttamente da FacileAscensore.it tramite il professionista di fiducia che ti seguirà nella realizzazione del tuo nuovo ascensore.

Per altre informazioni non esitare a contattarci, un nostro tecnico ti spiegherà tutti i dettagli per rientrare nelle agevolazioni fiscali. Per contattarci clicca qui.

VUOI REALIZZARE L'ASCENSORE DEI TUOI SOGNI?

Richiedi un preventivo gratuito e senza impegno. Contattaci ora!

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

© 2019 FacileAscensore.it

Seguici sui Social

  • Bianco Facebook Icon
  • Instagram - Bianco Circle
  • Bianco YouTube Icona
  • Bianco Twitter Icon